Esercitare l'autocontrollo

Se una sequenza dati attiva pensieri ed emozioni di molti significa che c'è un certo lavoro da svolgere nel collettivo.
Allo statto attuale senza un direttore di orchestra che dirige la sequenza dati, i molti non maturerebbero alcuni aspetti che servono l'essere consapevole e sovrano del proprio potenziale. Uno questi di aspetti è la mancanza di focus ovvero la capacità di focalizzare la propria attenzione in uno spazio tempo non magnetizzato da terzi. Il focus cade quando non c'è abbastanza energia incoscia a sostenerlo.

È come riempire un vaso di amore per poi attingere da esso tutto ciò con cui entra in risonanza nell'universo sulla stessa banda di frequenza. Se il vaso viene svuotato e lo si nasconde accade che il focus collettivo diventa facilmente magnetizzabile e si verifica l'effetto gregge, dove tutti seguono le credenze del collettivo, perché la loro attenzione viene attratta li dove non hanno riempito il vaso.
Adesso chi è pronto può iniziare a spostare il focus verso altri catalizzatori che andranno a formare nuove strutture e inizieranno a rispecchiare una nuova luce mostrando altri aspetti del proprio Sé.
Un esercizio pratico per esercitare il focus consiste in un attività che potremmo definire meditativa, in cui si riduce la ricerca di forme pensiero attraverso il mentale per spostare la propria attenzione in un punto chiamato anche 0, dove tutto è immobile e non vi è alcun effetto gravitazionale sul focus.
Come integrare questo nella attività quotidiana?
Osservare, cosa chiama dentro di sé.
È una forma pensiero che sorge spontaneamente o si tratta di pensiero a cui si sta dando energia nell'istante presente?
Se i pensieri nascono spontaneamente siete collegati a una qualche sorgente che proietta l'energia nella mente. Questo esercizio consiste nel fare una disconnessione temporanea per ritrovare la padronanza del proprio sé in cui vi è la capacità di controllare il focus.
Ogni volta che una sequenza dati irrompe nella mente per adescare l'attenzione dategli un colpo di "forbice", e riportate l'attenzione al punto 0.
In apparenza sembra una cosa semplice da fare, ma con tutte le distrazioni in cui si è immersi all'interno di questo "vaso" collettivo per molti non sarà proprio così semplice riuscire in questo esercizio.
Chi vuole può Iniziare ad esercitarsi per ritrovate la propria sovranità, dirigendo l'attenzione con maggiore intensità e minor impedimento da parte del subconscio a cui ognuno è connesso.

 autocontrollo esercizi controllo mentale punto 0